Mano-Vega [ITA – Progressive/Psychedelic/Elettro-Rock]

footer

l

VALERIO D’ANNA: voce, piano, synth, handsonic

GIOVANNI MACIOCE: chitarra, theremin, fx

LORENZO MANTOVA: basso, fx

ANDREA SCALA: batteria

 

Il progetto MANO-VEGA nasce nel 1998 ma la formazione diventa operativa dal 2000. La vivace attività live le consente di conquistare immediata visibilità nella scena alternativa emergente: la band infatti si piazza al primo posto nel Lazio all’Edizione 2001 dell’Arezzo Wave Love Festival. Dopo un’intensa pratica concertistica, la realizzazione del demo Si Sedes Non Is e un cambio di line-up, nel 2004 i Mano-Vega entrano in studio per la realizzazione del primo album ufficiale dal titolo nel Mezzo, ultimato nel Febbraio 2010 e uscito il 7 maggio 2010. Il disco è il frutto di ben sei anni di lavoro, durante i quali i componenti della band sono stati impegnati anche in altri progetti paralleli e nella fondazione dell’etichetta discografica Domus Vega. In questi lungo periodo i Mano-Vega hanno avuto possibilità di sviluppare e definire la propria identità musicale e di affacciarsi con una proposta del tutto originale nel panorama della musica indipendente italiana. nel Mezzo è un album coraggioso e personale, che spazia tra alternative-rock, dark, elettronica, progressive e psichedelia, con testi colti e atmosfere cangianti.

DISPONIBILITA’

Aperta

Concerti

ASCOLTALI SU REVERBNATION!

tunepack sample

QUALCHE VIDEO

Mano-Vega–sinestesia

 

Intervista coi Mano-Vega

Synpress su "Nel Mezzo", album d’esordio dei Mano-Vega

BOOKING
Fabrizio Borgosano

Coral Riff Booking & Management

Via dei Narcisi, 19 – 00172 – Roma (RM)

booking@coralriff.com

Tel: +39-340-6953499

06-96037229

Web Address: http://www.coralriff.com

Google +: https://plus.google.com/

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Coral-Riff-Management/

http://www.facebook.com/fabrizio.borgosano

MySpace: http://www.myspace.com/coralriffbooking

 

RECENSIONI WEBZINES / MANO-VEGA "nel Mezzo" :
STEREO INVADERS
link recensione:
http://www.stereoinvaders.com/index.php?
option=com_content&view=article&catid=3:underground&id=3227:mano-vega-nel-
mezzo&Itemid=16
ARTISTS & BANDS
link recensione:
http://www.artistsandbands.org/ita/modules/recensioni/detailfile.php?lid=1749
OSSERVATORI ESTERNI
link recensione:
http://www.osservatoriesterni.it/index.php?
option=com_content&view=article&id=766:mano-vega-qnel-mezzoq&catid=50:
underground&Itemid=54
NERDS ATTAK
link recensione:
http://www.nerdsattack.net/?p=15984
CAFFè NEWS
link recensione:
http://www.caffenews.it/?p=8094
SOUND MAGAZINE
link recensione:
http://www.soundmagazine.it/blog/2010/05/17/nel-mezzo-di-mano-vega/
ROCK REVOLUTION
link recensione:
http://www.rockrevolution.it/2404/recensioni/mano-vega-da-rock-a-elettronica.
html
MUSIC ON TNT
link recensione:
http://www.music-on-tnt.com/recensioni/articolo.php?id_articolo=830
TEMPI-DURI
link recensione
http://www.tempi-duri.it/
DAGHEISHA
link recensione
http://www.dagheisha.com/music_section/cd.asp?idus=4768
BEAT BOP A LULA
link recensione
http://www.beatbopalula.it/musica-underground-emergenti-band/articolo.asp?
articolo=4177
PILLBOX
link recensione
http://www.pillbox.it/mano-vega-nel-mezzo/
METALLUS
link recensione
http://www.metallus.it/recensione.asp?id=9313&p=0
MIUSIKA
link recensione
http://www.miusika.net/?p=1128
LOUDVISION
link recensione
http://www.loudvision.it/musica-dischi-mano-vega-nel-mezzo–4038.html
SALTINARIA
link recensione
http://www.saltinaria.it/recensioni/cdpromodemo/8050-mano-vega-nel-mezzo-cd.
html
ROCK SHOCK
link recensione
http://www.rockshock.it/mano-vega-recensione-nel-mezzo/
METALLIZED
link recensione
http://www.metallized.it/recensione.php?id=4067
MINIMAL
link recensione
http://minimalessandro.blogspot.com/
METAL.IT
link recensione
http://www.metal.it/album.aspx/12367/10106/
RAW & WILD
link recensione
http://www.rawandwild.com/review/review.php?id=Mano-Vega
PROG ROCK
link recensione
http://www.progrock.blogmusicale.it/entry.php?w=PROGROCK&e_id=1131
IL MUCCHIO
link recensione
http://www.ilmucchio.it/fdm_content.php?sez=scelte&id_riv=78&id=1513
SHIVER
link recensione
http://shiverwebzine.com/2010/07/06/mano-vega-nel-mezzo-2010-domus-vega/
RADIOLAND
link recensione
http://www.radioland.it/recensioni-musicali/dischi/1087-mano-vega-nel-mezzo.
html
NOVA MUZIQUE
link recensione
http://www.novamuzique.net/recensione.aspx?id=782
MPNEWS
link recensione
http://www.mpnews.it/index.php?
section=articoli&category=36&id=5950/musica/italiana/Recensione:–Mano-Vega—
Nel-Mezzo
LSD MAGAZINE
link recensione
http://www.lsdmagazine.com/%e2%80%9cnel-mezzo%e2%80%9d-lalbum-di-debutto-dei-
mano-vega/5333/
ROCK IMPRESSIONS
link recensione
http://www.rock-impressions.com/manovega1.htm
SPAZIO ROCK
link recensione
http://www.spaziorock.it/recensione.php?&id=1237
METAL INSIDE
www.metalinside.it
ALONE MUSIC
link recensione:
http://www.alonemusic.it/section.php?article=1576§ion=recensioni
SHAPELESS ZINE
www.shapelesszine.com
NON SOLO LINK
link recensione:
http://www.nonsololink.com/modules.php?
name=News&file=article&sid=3111&mode=thread&order=0&thold=0
06 LIVE
link recensione:
http://www.06live.it/recensione-cd-nel-mezzo-di-mano-vega-6196
ROCKAMBULA
link recensione:
http://www.rockambula.com/recensione.php?review_id=984
ATTIK MUSIC
link recensione:
http://www.attikmusic.com/news-7187/Nel-Mezzo
EXTRA MUSIC MAGAZINE
link recensione:
http://www.xtm.it/DettaglioEmergenti.aspx?ID=10650
GOOD TIMES BAD TIMES
link recensione:
http://gtbtreviews.blogspot.com/2010/10/mano-vega-nel-mezzo-domusvega-records.
html
PROGRESSIVE AREA (FRANCIA)
link recensione:
http://www.progressive-area.com/index.php?
option=com_content&task=view&id=1700&Itemid=2
SOUND 36
link recensione:
http://www.sound36.com/readart.asp?articolo=917
ROCK REBEL MAGAZINE
link recensione:
http://www.rockrebelmagazine.com/cd-reviews-pag-57/
KD COBAIN
link recensione:
http://www.kdcobain.it/pagine/recensioni/manovega.htm
PROGGNOSIS (USA)
link recensione:
http://www.proggnosis.com/PGRelease.asp?RID=33129
L’ISOLA CHE NON C’ERA
link recensione:
http://www.lisolachenoncera.it/rivista/recensioni/nel-mezzo/
GAZZETTINO DI ACERRA
link recensione:
http://www.ilgazzettinolocale.com/Gazzettino/il-resto-del-gazzettino/music-
therapy/1354-nel-mezzo.html
UNIVERSUM MOLL
link recensione:
http://www.universumnoll.com/2011/01/mano-vega-nel-mezzo-2010.html
RECENSIONI RIVISTE / MANO-VEGA "nel Mezzo"
– IL FATTO QUOTIDIANO
– ROCKERILLA
– ROCK HARD
– CLASSIX
– IO PAGES (Olanda)
– IN SOUND
– BEAT MAGAZINE
– HIGHLANDS MAGAZINE (Francia)
– RITMI (intervista – per il numero di MARZO 2011)
INTERVISTE WEBZINES / MANO-VEGA
ATHOS
link intervista:
http://athosenrile.blogspot.com/search/label/MANO-VEGA
SOUND ALTERNATIVE
link intervista + comunicato stampa:
http://www.soundalternative.net/?p=255#more-255
TEMPI-DURI
Leggi l’intervista ai Mano-Vega su www.tempi-duri.it nella sezione
"Interviste"
KULT UNDERGROUND
link intervista
http://www.kultunderground.org/articoli.asp?art=1625
BEAT BOP A LULA
link intervista
http://www.beatbopalula.it/musica-underground-emergenti-band/articolo.asp?
articolo=4370
CIAO.IT
Recensione e intervista, commenti e opinioni a questo link:
http://www.ciao.it/nel_Mezzo_Mano_Vega__Opinione_1216138
RADIO / MANO-VEGA (Passaggi in radio + interviste)
– ALTERNITALIA (18 aprile 2010)
– ROCK CITY NIGHT (19 aprile 2010)
– ALTERNITALIA ( 2 maggio 2010)
– RADIO CITY PLANET (14 maggio 2010)
– ALTERNITALIA (30 maggio 2010)
– Mano-Vega: Mediastation su Loudvision
Mano-Vega: Novilunio
Tying Tiffany: Trailer
Smashing Pumpkins: 1979
Motorpsycho: The Other Fool
Angus & Julia Stone: Big Jet Plane
Jennifer Paige: Beutiful Lie
2001: Odissea Nello Spazio: Starchild
True Blood: Open credits
www.loudvision.it
– Mano-Vega trasmessi su Radio Base
Mano-Vega trasmessi su Radio Base con altri importanti artisti.
PROGLAND PLAYLIST 29/05/2010 e 05/06/2010
Intervista a ..Massimo Pupillo.. degli ZU
•Zu – Detonatore
•Zu – Soulympics
• Zu – Chthonian
•Zu – Obsidian
•SLASH feat. A.Stockdale – By The Sword
DEAD MEADOW – Darlin’
•A SILVER ….Mt… ..ZION…. – Kollapz Tradixional
•MANO-VEGA – Nel Mezzo
•ANARCOTICI – … ..E Liquido.. Sia
THUNDERSTORM – Nero Enigma
– ALTERNITALIA (20 giugno 2010)
-RADIO CANTù / PROG GENERATOR (29 giugno 2010)
Puntata n. 32 -martedi 29 giugno 2010
1) Mike Patton – Urlo negro (Mondo Cane, 2010)
2) Osanna – Mirror train (Prog Family, 2008)
3) Tony Levin – Sticky finger (Stickman, 2007)
4) Polar for the masses – Where your nose is (Blended, 2009)
5) Regno di schiena – Soqotra (Heart and cows, 2010)
6) Mano Vega – Ondanomala (Nel mezzo, 2010)
7) Side C – Nuova speranza (Stati d’alienazione, 2009)
8) Calibro 35 – Eurocrime! (Ritornano quelli di… Calibro 35, 2010)
9) Muse – Knights of Cydonia (Black holes and revelations, 2006)
10) Band of horses – Factory (Infinite arms, 2010)
– RADIO BASE
PROGLAND PLAYLIST 05/09/2010
•DEAD WEATHER – Blue Blood Blues
•DEAD MEADOW – That ….Old.. ..Temple….
•FLAMING LIPS – Any Colour You Like (Pink Floyd cover)
•ELF – Happy
•SCORPIONS – Rock Zone
•FOREIGNER – Head Games
•ASIA – Through My Veins
•BLACK BONZO – Because I Love You
•ANATHEMA – Everything
•HYPNOISE – In The Twilight
•MANO-VEGA – Nel Mezzo
•THE WATCH – Tourist Trap
•NOSOUND – Like The Elephant?
– ALTERNITALIA (6 sett 2010)
– RADIO ROCK – Roma (20 ott 2010)
– RADIO ONDA ROSSA – Roma (4 nov 2010)
CURIOSITA E PREMI :
– Primi nel Lazio NEL 2001 – AREZZO WAVE LOVE FESTIVAL
– NOMINATION BEST DEBUT RECORDS 2010 / Prog Awards
– FINALI PROG AWARDS "BEST DEBUT ALBUM" CON ALTRE 15 BANDS DA TUTTO IL MONDO
– SOUND 36 – referendum 2010 (miglior disco italiano)
– TOP ALBUM su UNPROGGED
link recensione (top album)
http://www.unprogged.com/showthread.php?t=5291
– TOP ALBUM su METAL-EMPIRE
link recensione (top album)
http://www.metal-empire.it/modules.php?name=Reviews&rop=showcontent&id=1902
– COMPILATION DA SHIVER (PRIMO BRANO DI APERTURA)
scarica la compilation.
download gratuito a questo link:
http://shiverwebzine.com/shiver-compilation/
– IN EVIDENZA SU 06 Live
– STREAMING IN EVIDENZA SU SHIVER WEBZINE
MANO-VEGA VIDEO LIVE:
MANO-VEGA (GERMANIA 2004)
http://www.youtube.com/watch?v=OMrhEqtWTOw
MANO-VEGA (PRESENTAZIONE DEL DISCO)
http://www.youtube.com/watch?v=VCLzLXBMT8I&feature=related
MANO-VEGA (RIPRESA LIVE DAL PUBBLICO)
http://www.youtube.com/watch?v=ZEz-1khFlp4&feature=related
MANO-VEGA (PROMO DEL LIVE DI PRESENTAZIONE)
http://www.youtube.com/watch?v=qmmO_GQjtZM&feature=related

Annunci

L’Orage [ITA–Neofolk]

come-una-festa

Photo edited with http://www.tuxpi.com
"L’ORAGE è un gruppo musicale, una scoperta, una sfida sfacciata al sistema discografico, una musica che sembra venire da lontano, una festa, una scommessa, un gruppo di amici, un viaggio in territori non definibili con classificazioni di genere"
 
BIOGRAFIA
L’Orage è uno delle più potenti e affascinanti live band del Nord-Ovest. Il virtuosismo del violinista e organettista Remy Boniface e del suo incredibile fratello, il polistrumentista Vincent, assieme ad una enrgica band folk-rock, si mescolano al carisma del cantautore Alberto Visconti.
Nel 2006 Alberto Visconti (attivo dal vivo dal 1997) comincia a collaborare con il violinista e organettista Remy Boniface (uno dei più apprezzati musicisti della scena Ethno Europea)- Dopo due anni di intenso lavoro e attività concertistica, nel 2008, i due danno vita al progetto “L’Orage”: una forte base ritmica miscelata a melodie tradizionali ed a liriche intense e spiazzanti. Il risultato è una via di mezzo tra Noir Désir e la Rolling Thunder Review di Dylan.
 
ENGLISH BIOGRAPHY:
L’Orage is one of the most powerful and amazing live band in the northwest of Italy. The virtuous fiddle and diatonic player Remy Boniface and his terrific brother, the poli-instrumentist Vincent, together with a strong folk-rock band, mixed with the charisma of the songwriter Alberto Visconti.
In 2006 Alberto Visconti (already on stage since 1997) starts the collaboration with the fiddle and diatonic player Remy Boniface (one of the most claimed musicians in the European scene of world-music). After two years of intense work and live shows, in 2008 they give birth to "L’Orage" project: a strong rithmical base melted with traditional melodies and astonishing lyrics. The result is a midway between Noir Désir and Dylan’s Rolling Thunder Review Membri della band sono (Band members are):Alberto Visconti: Guitar, vocals Remy Boniface: Fiddle, Diatonic, Vocals; Vincent Boniface: Clarinet, Sax, Hornpipe, Diatonic, Percussions; Amish McTavish: Percussions, Vocals; Stefano "Steo" Trieste (ex SunnyDay): Bass guitar; Florian Bua (Ex ReDiMaggio): Drums.

DISPONIBILITA’

Aperta

ASCOLTALI SU REVERBNATION

tunepack sample

QUALCHE VIDEO

L’Orage–Come Una Festa

ANTEPRIMA DEL PROSSIMO ALBUM!

L’Orage–Sous le soleil, exactement

 

Recensione su "L’Isola che non c’era"

BOOKING
Fabrizio Borgosano

Coral Riff Booking & Management

Via dei Narcisi, 19 – 00172 – Roma (RM)

booking@coralriff.com

Tel: +39-340-6953499

06-96037229

Web Address: http://www.coralriff.com

Google +: https://plus.google.com/

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Coral-Riff-Management/

http://www.facebook.com/fabrizio.borgosano

MySpace: http://www.myspace.com/coralriffbooking

Tobia Lamare & The Sellers [Folk-Rock]

 

TOBIA LAMARE & THE SELLERS

[ITA – Indie/Folk-Rock]

 

tobia_lamare_the_sellers

The Party
Lobello Records
La band “Tobia Lamare & The Sellers” nasce in Salento, nel sud est dell’Italia, vive e cresce in una campagna che non è bagnata dal Mar Mediterraneo, ma confina con il Mississipi e il Tennessee.
Nella Masseria Lobello Tobia Lamare coltiva la terra, i suoi affetti, scrive e registra le sue canzoni. Un luogo che è casa, ma anche sala prove, teatro, luogo d’arte e residenze. È qui che prende forma The Party un concept album che racconta una festa dove le persone si scontrano, parlano, si incrociano, scappano, si innamorano, suonano.
Il disco nasce dall’esperienza di Stefano Todisco, alias Tobia Lamare, che dal 1993, come dj, fa girare i vinili più improbabili nei locali salentini e non solo. Tobia è la parte rock n roll del Salento, il punto di riferimento per le persone che vogliono ballare il soul, l’indie. E le feste sono gallerie di vite e personaggi capaci di raccontare le storie che compongono questo album.
Il nuovo progetto di Tobia Lamare, leader degli Psycho Sun, è fatto di ballate acustiche che uniscono il folk di Neil Young alle asprezze dei Violent Femmes, un progetto nato in campagna e ispirato, nel suono, dagli spazi aperti, dai camini, dall’autunno fatto di amici e tanti cani. Tobia Lamare & the Sellers omaggiano il grande folk, il country, il rock and roll (Bob Dylan, Elvis, Eagles, Johnny Cash ) ma anche i Pavement e i Cure.
Tobia Lamare (chitarra e voce) è accompagnato da Osvaldo Piliego (batterista degli Psycho Sun), Alfonso Cannoletta (chitarrista storico della scena rock n roll leccese degli anni ’90), Marco Santoro (bassista che ha dato vita alle prime formazioni indie della provincia di Lecce e attualmente impegnato in vari progetti di world music come Kamafei) ed Antonio Candido (armonicista esponente della scena country blues salentina).
Il cd è stato registrato e mixato tra ottobre 2008 e giugno 2009 allo studio Sud Est di Campi Salentina da Stefano Manca. “My Stormy Days” è stato mixato da Matilde De Rubertis.
Molte registrazioni aggiuntive sono state fatte alla Masseria Lobello da Emiliano Murrone e Tobia Lamare. Gli ospiti sono Gianluca de Rubertis (pianoforte, hammond), Maurizio Vierucci (voce e percussioni su “Talking in the rain”, “Girls with pills”), Fabrice Martinez (violino su “Rimbaud”) e Marco Ancona (lap steel guitar).
“Rimbaud” è stata registrata nel 2005 alla masseria Lobello. È la sonorizzazione dell’installazione di Alice Pedroletti e Osvaldo Piliego realizzata per la collettiva Blog on Rimbaud tenutasi a Torino nello stesso anno.
La grafica è di Erik Chilly, le foto di Lorenzo Papadia
DISPONIBILITA’ 2011
APERTA
tunepack sample
CONCERTI
FEBBRAIO
9 @Billabong, Njemegen (NL)
12 @ Mirco Marchè, Bruxelles (B)
18 @ Molly Malone, Lecce
19 @ 1340 Bikers Cafè, Lecce
26 – Dj set @ Tobe, Lecce
MARZO
6 @ Contestaccio, Roma
7 @ La Casa 139, Milano
10 @ T.B.A. UK Tour, (UK)
 
 
Tobia Lamare & The Sellers–My Stormy Days

Fabrizio Borgosano

Coral Riff Booking & Art Management

Via dei Latini, 18 – 00184 – Roma (RM)

fborgosano@coralriff.com

Tel: +39-3406953499

Web Address: http://www.coralriff.com

Facebook: http://www.facebook.com/pages/Coral-Riff-Management/

http://www.facebook.com/fabrizio.borgosano

MySpace: http://www.myspace.com/coralriffbooking

Presentazione brani
A WEEKEND OUT
È l’inizio della festa. Un ragazzo entra nel party, poche luci, fumo, birra e due persone che fanno un clash sul palco. Vuole dimenticare i suoi problemi, il suo lavoro e tutte le complicazioni della sua nuova vita da solo.
SILVER
Dal palco uno dei cantanti sta guardando una ragazza che balla. Sa che lei non potrà mai essere sua. Anche se lei balla per lui, in realtà non lo vuole.
DEAR DEAR
Una lettera lasciata ai propri genitori, la chitarra in mano e il soul nel cuore. Lascia la sua casa perché non riesce più a sopportare i silenzi mentre fissa le pareti della loro cucina, perché non riesce a controllare la sua paura e perché è triste da troppo tempo. Suona per strada sotto il sole estivo che brucia le mani sugli accordi e il suo show è lì all’angolo della strada. Parla sempre dei suoi genitori, sperando in una loro telefonata.
GIRLS WITH PILLS
“Lei non sa che si sta spaccando il cervello ma sa come spaccare i cuori” inizia così questo colpo di fulmine per una ragazza nella festa. Lui si chiede continuamente cosa ci sta a fare lì perché qualcosa sta andando male, ma si innamora della ragazza con le pillole.
SUMMER OF ‘82
Capita a tutti di non ritrovarsi con le mode musicali del momento, e questa persona non ne può proprio più del revival anni ’80, si sente quasi un alieno da solo nella sua stanza soffocato dal caldo estivo… ma poi capisce che essere diverso è la sua forza e tutto va bene.
SWEET DANCE
Se si balla, si balla. E il ballo può essere il mezzo più sensuale per sedurre o dichiararsi. E la coppia che balla questa Sweet Dance è un po’ felliniana, un po’ Tom Jones e Barbara Streisand, un po’ romagna del ’56 o Porto Cesareo degli anni ’80.
TALKING IN THE RAIN
Qualcuno sa che sta per andare via e racconta i suoi ultimi sogni. Prima di morire vuole stringerle la mano e guardare all’alba mentre nasce il sole quel sorriso che ama. Ma lui sta parlando sotto la pioggia.
MY STORMY DAYS
È un omaggio a tutta la scena hip-hop e black degli anni ’90 salentini, in particolare Gopher e Papa Gianni, le mie voci preferite. È la canzone che cantano gli MC quando il ragazzo di “A weekend out” arriva al party. È una canzone che parla delle restrizioni sulla musica e sull’aggregazione. Locali chiusi, strade sbarrate e persone che ti succhiano i soldi continuamente. Le parole però pesano più di una pietra. Prima o poi spaccheranno la testa a chi ci sta rovinando la vita. Prima o poi morirà e noi ci salveremo.
YOU ARE MY RADIO
È la canzone della festa, quella che ballano, quella che non sopportano in Summer of 82, quella che va mentre si spaccano, si innamorano, parlano, scappano. Nel testo vengono citati la Stax, Madchester, la psichedelica, la Mute etc. Tutti suoni diversi e che hanno riempito il suono della mia vita. Ma è sempre una persona che mentre balla ci fa perdere la testa e vorremo cantare suonando la chitarra – OH You are my radio.
———————————————————————————————————-
RASSEGNA STAMPA
————————————————————————————————————————
I VIAGGI DEL SOLE luglio 2010 (sole24ore)
ROCK IN THE AIA: LE MASSERIE DEL SALENTO SOUND
“….A poche centinaia di metri, nella Masseria Lobello, vive un musicista che per il nome d’arte ha preso quello del protagonista del Supervixen di Russ Meyer: Lamare. Tra i campi di grano, rigorosamente “bio”, la masseria, decorata da foto di Elvis, da un quadro che viene dal Mississippi, da qualche chitarra, è una realtà bucolica che ha portato Tobia Lamare e la sua band (The Sellers) a allontanarsi dalla pizzica buttandosi sul country. Funziona. Il cd regiostrato in uno studio costruito nella masseria sta vendendo, e sono in aumento le richieste per gli house concert organizzati dal padrone di casa. Dove non mancano le star di passaggio(tobialamare.com)
ROCKERILLA ARPILE-MAGGIO 2010-04-19
Tobia Lamare è prima di tutto un grande appassionato di musica. Basta spulciare nella sua collezione di vinile per trovare impensabili quarantacinque giri blues, rarità degli anni sessanta, piccole chicche garage. Roba che potrebbe realizzare da solo una nuova edizione di Nuggets. Questa cultura emerge in ogni suo progetto: dagli Psycho Sun, alle serate come dj, sino a questa nuova incarnazione che è figlia legittima di una sconfinata passione per l’America ed in particolare per quella Memphis da sempre culla del rock and roll. Tra le note si evocano spazi aperti e assolati, viaggi in macchina su strade deserte, in cui il fine ultimo non è raggiungere una meta ma perdersi. E poi ci sono canzoni, belle canzoni. Di quelle che ti arrivano al cuore. "Girls with Pills" è una di queste, capace di unire magicamente la malinconia dei dEUS alla solarità dei Byrds. Insomma, mica roba da poco. Se solo il passaporto non fosse italiano, "The Party" sarebbe sul catalogo della Sub Pop, insieme a Shins e Blitzen Trapper. Ma siamo alla periferia dell’impero e non ci resta che sperare che il miracolo accada. Nel frattempo consumiamo insieme i piaceri di un album che unisce in maniera sublime blues ("Summer of ’82"), languida psichedelia ("Dear Dear") e persino una parentesi micro-electro alla Hot Chip ("You Are My Radio"). Perchè il salento in fondo è la nostra california. E Tobia non fa mistero delle sue radici.
8/10
GIANLUCA SERVETTI
GQ
marzo 2010
La scelta di GQ
Non tutti quelli nati e cresciuti in Salento si dedicano al reggae. Tobia Lamare (Stefano Todisco) ha fondato un’etichetta, si è circondato di bravi musicisti e ha dato alle stampe un concept album senza tempi in levare, vicino alla grande tradizione folk e rock a stelle e strisce.
LEFT
GENNAIO
IL MEGLIO DEL 2009
…..Un disco italiano da esportare: Tobia Lamare & the Sellers. Genietto salentino, il cui suono è un incrocio tra Johnny Cash, I Beatles e Beck.
Don Pasta
Indierock.it
Maggio 2010
il giudizio di indie-rock.it: 7/10
GENERE: power folk.
PROTAGONISTI: Tobia Lamare (vero nome Stefano Todisco) – voce, chitarra acustica, armonica; Antonio Candido – armonica; Alfonso Cannoletta – chitarra, cori; Osvaldo Piliego – batteria; Marco Santoro Verri – basso. Tra gli ospiti troviamo Gianluca De Rubertis, ovvero la parte maschile de Il Genio, e Maurizio Vierucci, meglio noto come Creme.
SEGNI PARTICOLARI: Tobia Lamare è il leader degli Psycho Sun, gruppo salentino che ha iniziato a suonare indie-rock dall’attitudine internazionale già 10 anni fa, in un periodo nel quale in pochi scommettevano su questo tipo di proposta: vengono in mente nomi come Giardini Di Mirò, Yuppie Flu, Julie’s Haircut (il gruppo dell’epoca maggiormente accostabile agli Psycho Sun). Evidentemente i salentini non hanno ottenuto gli stessi riscontri, però sono ancora attivi e tra qualche mese uscirà il loro nuovo disco. Nell’attesa il loro leader dà alle stampe qualcosa di molto diverso rispetto allo stile del gruppo madre. Si tratta, tra l’altro, della prima uscita assoluta per la Lobello Records, etichetta in realtà di proprietà dello stesso autore.
INGREDIENTI: si è scelto di denominare “power folk” il genere del disco perché 8 canzoni su 10 uniscono, appunto, un’impostazione folk ad un suono elettrico, leggermente abrasivo e che non si fa mai mancare il supporto di una vera e propria sezione ritmica. Una descrizione del genere non può che far venire in mente Bob Dylan, che effettivamente appare un’influenza piuttosto importante per la realizzazione di questo lavoro, soprattutto nella sua prima metà. Degli ultimi due brani, uno si regge invece su suoni sintetici, mentre l’ultimo è strumentale.
DENSITA’ DI QUALITA’: questo disco è un altro esempio di come punti di forza insiti nelle canzoni possano far passare in secondo piano l’evidenza dei riferimenti a vantaggio di un’indubbia piacevolezza di ascolto. Il pregio principale di ‘The Party’ è quello di riuscire ad avere una struttura lineare, sia nella composizione che nel suono, senza che essa appaia mai scontata: né l’andamento dei brani né le interazioni tra chitarre elettrica ed acustica, armonica e, quando ci sono, pianoforte ed hammond, sono caratterizzati da particolari colpi di scena, eppure spesso riescono a discostarsi dalla direzione che potrebbe aspettarsi l’ascoltatore dopo i primi momenti di ogni canzone. Troviamo inoltre una buona varietà del grado di apertura melodica di ogni brano e la sensazione che la band non stia scimmiottando forzatamente certi stilemi provenienti da Oltreoceano, ma li omaggi con gusto e padronanza. Grazie agli aspetti evidenziati si può tranquillamente parlare, quindi, di un disco ben riuscito.
VELOCITA’: medio bassa.
IL TESTO:This summertime is getting too long, the sun is burning my hands on these chords”, parole tratte da ‘Dear Dear’ che rendono bene le ambientazioni da arida campagna assolata ed il mood dolceamaro dell’intero lavoro.
LA DICHIARAZIONE: A proposito del titolo dell’album: "the party" – La festa è un momento fondamentale della vita sociale. In essa si entra in contatto con molte persone, tutte diverse. Questo permette che si creino le più svariate situazioni: un colpo di fulmine, la nascita di un’amicizia, la scoperta di una passione, l’instaurazione di collaborazioni lavorative. Le feste sono gallerie di vite e personaggi, capaci di raccontare le storie che compongono questo album” da un’intervista a ‘lecceprima.it’.
IL SITO: ‘Myspace.com/tobialamare’.
Stefano Bartolotta
il link è http://www.indie-rock.it/recensioni_look.php?id=969
Articolo di: Alfonso Fanizza Del 01/03/2010
Tobia Lamare & The Sellers sono l’ennesima attestazione di un Salento non sempre incline a certe tendenze ´popolari´ e ´rastafariane´, ma che valorizza anche altre realtà ben distinte che popolano questo sprazzo di terra.
Tobia Lamare (all’anagrafe Stefano Todisco, ndr), leader degli Psycho Sun, coinvolge in questo suo nuovo progetto esponenti della musica salentina come Osvaldo Piliego (batterista degli Psycho Sun), Alfonso Cannoletta (chitarrista storico della scena rock’n’roll leccese anni ’90), Marco Santoro (bassista che ha dato vita alle prime formazioni indie della provincia di Lecce) e Antonio Candido (armonicista esponente della scena country-blues salentina), con l’intento di dare vita a una band che omaggi in un colpo solo il folk d’autore, il rock vecchia scuola e il country, con una strizzatina d’occhio anche all’indie ´pavementiano´.
Il Mediterraneo cessa di essere così il punto nevralgico e d’interesse per la musica salentina lasciando spazio al Mississipi e al sound che lo pervade, e che possiamo degustare tra le impetuose ´mura´ di ´The party´, disco d’esordio dell’essemble leccese.
Influenzato dall’esperienza di Todisco come dj, il disco, in chiaro stile ´concept´, vuole raccontare una festa in cui la gente s’incontra, si scontra, parla, suona, s’innamora e scappa.
´The party´ è un disco sanguigno gradevole a ogni suo passaggio, delizia l’ascolto attraverso i suoi repentini movimenti ritmici che vanno dal folk a tratti ´dylaniano´ di ´A weekend out´ ai richiami anni settanta di ´I talking in the rain´, passando per le atmosfere alt. country di ´Summer of ‘82´ e ´My stormy days´, e le ´fuoruscite´ indie di ´Silver´ e ´Dear dear´.
Tra le altre, canzoni come ´Sweet dance´ riporta alla mente l’indie rock genuino degli americani Cake, o ´You are my radio´ che sviscera tutta l’indole alt.-folk rock degli Arcade Fire, mentre ´Rimbaud´ è l’unica perla fuori dal coro per la sua natura strumentale.
Un disco pregevole impreziosito dalla presenza di ospiti illustri come Gianluca De Rubertis (Il Genio, ndr), Maurizio Vierucci (Creme, ndr) e Marco Ancona.
febbraio 2010
di (N.G.D’A.)
“Sono contento di come è venuto questo album, è nato da un viaggio che ho fatto negli States, mi sono ritrovato con un po’ di canzoni e volevo inciderle con i miei amici.” Queste le parole di Stefano Todisco aka Tobia Lamare, quando sono andato a trovarlo nella sua splendida masseria in campagna giù in Salento, oggi anche sede della neonata Lobello Records. “Un altro passo da indipendente”, dice. “Sono sempre stato indipendente, in fondo è meglio così perché ti ritrovi ad avere più controllo su ciò che fai…guarda il packaging del disco con l’artwork di Erik Chilly, non è un capolavoro?” Nel 2010, Stefano diventerà padre, andrà in tour con i Sellers (con alcune tappe all’estero, tra le quali Londra e Barcellona), pubblicherà un nuovo lavoro con gli Psycho Sun, i suoi vecchi compagni: “Anche quello è pronto, mettiti comodo che ti faccio ascoltare un paio di pezzi in anteprima…ti va un caffè americano? Io ormai bevo solo quello!”
Parte la musica e con essa anche i flashback del sottoscritto: una quindicina di anni di ricordi, l’ultimo dei quali risale all’inverno del 2008, quando Tobia Lamare apparve a sorpresa con una delle sue chitarre mentre stavo presentando il mio secondo romanzo in una libreria di Lecce. Oppure, più indietro nel tempo, la volta in cui ero ospite della masseria e il Generale Custer, padre di Tobia, mi spedì a domare eroicamente l’incendio di un campo di grano. L’aneddoto viene fuori puntualmente ad ogni occasione d’incontro, quasi sempre associato al segreto del ‘ciambotto’, ricetta culinaria improvvisata (e per tale ragione avvolta nel fitto mistero) che eravamo soliti assemblare mettendo insieme ciò che c’era da raccogliere nei campi quando il supermercato più vicino risultava già chiuso da ore.
Il ragazzo ha un sorriso, un’energia che contagiano chiunque gli stia davanti. E sto parlando di doti che, sommate ad un notevole talento, producono sempre ottimi risultati. Il debutto di Tobia Lamare & The Sellers (Osvaldo Piliego, batteria; Alfonso Cannoletta, chitarra; Marco Santoro,basso; Antonio Candido armonica) lega la lunga esperienza in campo musicale di tutte le parti coinvolte ad una freschezza diventata merce rara nel panorama pop attuale. Anche i salentini possono cantare il country, il blues, le ballate indie-folk un po’ sbilenche che incontrano le strade di Neil Young, Lou Barlow, e i Pavement come pure (succede in You are my radio) quelle dell’electro-pop di matrice europea primi anni 80. E magari a leggere una cosa del genere viene facile storcere il naso (maledetti scettici!), però vi assicuro che è così. The Party è un concept, quasi un romanzo in musica incentrato sull’atmosfera di una festa, sui personaggi che si incontrano in un luogo in cui si balla, si sta insieme a chiaccherare o a bere qualcosa, gli sguardi si toccano e magari scatta un flirt. C’è Dylan a braccetto con i Sebadoh nell’iniziale A weekend out sorretta da un’armonica assassina. C’è un po’ di West Coast Seventies nella successiva Silver, mentre Dear dear incede ad un mood malinconico alla Hank Williams che prepara alla successiva Girls with pills tutta ritocchi di chitarra e pianoforte (affidato alle mani di Gianluca De Rubertis). Il cuore del disco si apre nel trittico formato da Sweet dance (fumosa, notturna, capace di evocare le zampate di vera classe di Willy De Ville), la ballata perfetta Talking in the rain e la nervosa My stormy days, cioè il benedetto pezzo che Beck e Jon Spencer non riescono a scrivere da qualche anno a questa parte, per giunta mixato da Matilde De Rubertis.
“Penso che queste canzoni riflettano ciò che sono oggi”, dice Tobia. “Vivo qui nella masseria con mia moglie Cecilia, produco agricoltura biologica e le canzoni che ho in testa ogni volta che mi chiudo in sala prove. Faccio serate da dj e per il mio lato rock’n’roll ho sempre gli Psycho Sun.” È felice, e gli credo sulla parola. Questo disco parla proprio di lui.
Corriere del mezzogiorno ( corriere della sera) 30/01/2010
Se Campi Salentina diventa Nashville
Rifugge le mode del momento e celebra l’alternative country di almeno trent’anni fa, il debutto discografico old fashioned di Tobia Lamare & the Sellers, che segna la nascita dell’etichetta Lobello Records. La band fa capo a Stefano Todisco, che con lo pseudonimo di Tobia Lamare è già noto alla scena salentina per i suoui dj-set e per essere parte integrante e sostanziale degli Psycho sun: è lui l’autore delle dieci tracce che compongono The Party, concept-album che sogna l’America ma nasce e si svolge come un romanzo in musica nel Salento delle feste in piazza, dove un ragazzo lascia la casa dei genitori per inseguire con la propra chitarra le strade del mondo, non senza innamorarsi di una ragazza chimicamente tormentata.
Non c’è da stuprisi, quindi, se le atmosfere di questo disco (in realtà registrato e mixato presso lo studio Sud Est di Campi Salentina da Stefano Manca) evochino suggestioni care al primo Bob Dylan o a Neil Young, e la Nashville degli anni d’oro si sovrapponga alla campagna, dove tuttora Todisco vive alternando la pasione musicale alla coltivazione della terra. C’è da dire che Lamare deve al country americano la sua formazione, approfondita in un viaggio negli Usa nei templi del genere musicale, salvo poi contaminarla con l’ascolto dei Cure e Pavement, la cui influenza affiora soprattutto nella seconda parte di The Party(My stormy days, You are my radio).
A sostenere il sogno americano di Tobia (che ha sempre dichiarato che la musica è per sua natura apolide e ostile ai confini geografici) ci pensano The Sellers, ossia Osvaldo Piliego(batteria), Alfonso Cannoletta(chitarra), Marco Santoro(basso) e l’indispensabile armonica a bocca di Antonio Candido che, insieme alla voce e alla chitarra di Todisco, contribuisce a rendere efficacemente il country sound del progetto. Tra gli ospiti del disco che, nelle intenzioni della band, dovrebbe essere tradotto in immagini grazie a dieci videoclip di prossima registrazione, segnaliamo Marco Ancona, Maurizio Vierucci, Fabrice Martinez e Gianluca De Rubertis. Già programmate, invece, le tournèe promozionali in Spagna e Inghilterra per la prossima primavera.
Francesco Farina
Coolclub.it
Scritto da Tobia D’Onofrio    Mercoledì 03 Febbraio 2010 10:02
Inizio modulo
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo
Fine modulo
The Party è il cd d’esordio di Tobia Lamare & The Sellers che inaugura la Lobello Records. Un disco al quale siamo molto affezionati, sia perché la Lobello è anche un po’ Coolclub, sia perché tra i Sellers (alla batteria) c’è il direttore di questo giornale, Osvaldo Piliego. Tobia ha una lunga esperienza alle spalle come chitarrista e cantante punk, negli Psycho Sun, e come autore di colonne sonore per spettacoli teatrali. Dalla sua campagna vicino Lecce, la Lobello appunto, ha intrapreso questo viaggio musicale che sa di Mississipi e Tennessee più che di Salento. The Party è un concept album che racconta una festa dove le persone si scontrano, parlano, si incrociano, scappano, si innamorano, suonano. L’album si apre con Week end out, un brano dylaniano completo di armonica, ma gli stop & go sembrano quelli dei Pavement. Girl With Pills parte come una soffice ballata country-folk e si lancia in un ritornello degno di Head of the Door dei Cure. Rimbaud è una meditazione tinta di chanson anni ‘60, che accenna a gonfiarsi in un inno morriconiano. Ma non basta. C’è spazio per aperture jazz, per un valzer lisergico, persino per un tango, un pezzo funky alla Soul Coughin e una traccia electro-pop stradaiola e minimale (You are my radio).  Oltre Tobia e Osvaldo questa avventura coinvolge anche Alfonso Cannoletta (chitarra), Marco Santoro (basso) ed Antonio Candido (armonica). Nel cd ci sono anche Gianluca de Rubertis (Il genio, Studio Davoli), Maurizio Vierucci (Creme) e Marco Ancona (Bludinvidia-Fonokit). Tobia ci racconta la nascita di questa nuova esperienza.
Cominciamo con un po’ di storia. L’ambiente salentino nei primi anni ‘90 vantava una fertile scena musicale, ricca di band emergenti e di spazi sociali in cui organizzare concerti. La tua prima band, Psycho Sun, nasce proprio nel 1993. Hai dunque alle spalle 17 anni di esperienza come frontman, ma sei anche un navigato e richiestissimo dj che spazia dal rock al soul, passando per il divertentismo. Raccontaci il tuo punto di vista sull’esperienza degli anni ‘90.
Gli anni ’90 sono stati gli anni d’oro della musica in Italia. Più che altro sono stati la speranza di un mercato che finalmente si apriva alla musica indipendente. In Italia le grandi etichette investivano soldi e le piccole label riuscivano a crearsi uno spazio. Questo grazie al fatto che si vendevano i cd e i vinili. Anche Lecce aveva la sua piccola etichetta (Magenta Rec) che produsse il primo lavoro degli Psycho Sun, i Miele June, i Lilly noiz, i C.O.D. e altri. Insomma si era creata una scena. Lecce, Brindisi e Taranto erano dei luoghi dove si faceva musica. Lo scambio e l’interesse verso le band della tua stessa città e soprattutto verso quelle che venivano da fuori era notevole.
Forse non tutti sanno che il nome del tuo progetto solista è una citazione nella citazione. Tutto parte da Peter Sellers, il mitico attore del Dottor Stranamore, La pantera Rosa e The Party, titolo che in Italia fu tradotto Hollywood Party. La prima citazione è quella di un misconosciuto gruppo indie-rock milanese di fine anni ’80 che scelse come nome della band “Peter Sellers and the Hollywood Party”.
Io e Marco (il bassista della band) abbiamo sempre avuto un punto d’incontro: il cinema. Soprattutto quello americano. Cercavamo un nome che potesse andare bene con Tobia Lamare. Avevo proposto Tobia Lamare & The big chill (film della cui colonna sonora eseguiamo molti brani) ma non ci convinceva. Vista la mia passione agricola avevo pensato a Tobia Lamare & The tomatillos, ma suonava troppo come i Mescaleros di Joe Strummer. Sapevo che il cd si sarebbe chiamato The party e così l’associazione a Peter Sellers è stata immediata. Peter Sellers mi fa piegare in due, mi fa passare la febbre. Anche agli altri piaceva e allora. Io amo le citazioni stratificate, anche i miei testi ne sono sempre stati pieni. Anche il mio nome d’arte è una citazione del protagonista di Supervixen e Ultravixen di Russ Mayer.
Lungi dall’essere un minestrone di stili, l’album è però incredibilmente compatto. Inoltre la riconoscibilità del gruppo non viene messa in pericolo dai cambi di stile e credo che la tua leadership abbia un ruolo fondamentale in questo senso. Ma raccontaci un po’ dell’evidente affiatamento con gli altri componenti dei Sellers.
Le prove dei Sellers durano anche sette ore a volte, cinque di queste sono passate a parlare, cucinare, stare insieme, ascoltare dischi, vedere le puntate di I.T. Crowd. L’affiatamento per me dev’essere soprattutto personale, mentale, di amicizia. La musica è anima, è il tuo essere, è il tuo sfogo, la tua voce, la tua espressione, quindi per avere compattezza e omogeneità nel suono devi averla anche nei rapporti interpersonali. I Sellers hanno un suono, o meglio hanno un mood che è presente in tutti i brani. Il mio metodo di direzione delle prove è molto anarchico. Poche volte do indicazioni specifiche in fase di arrangiamento ai Sellers, perché i musicisti li ho scelti per il loro modo di suonare e per i loro gusti musicali, quindi preferisco che ognuno senta il pezzo a modo suo e che tutto sia estremamente naturale. Se dopo un po’ di tempo un brano non funziona, spesso, preferisco metterlo da parte.
In concerto siete formidabili, come dimostra Silver, registrata dal vivo. Spesso vi avventurate in jam session e suonate cover improbabili. Accanto a brani più classici come Creep dei Radiohead, la rilettura più riuscita è, a mio avviso, Wild Boys dei Duran Duran. Il pezzo è irriconoscibile finché non entra il ritornello e credo sia geniale per il modo in cui spiazza l’ascoltatore. Inoltre esprime la tua sensibilità onnivora e il tuo innato dono della sintesi.
Grazie. Beh, quello delle cover stravolte e reinterpretate è stata sempre una chiave di lettura indispensabile per me. Nel 1993 con gli Psycho non riuscivamo nemmeno a trovare gli accordi dei brani e allora, in maniera abbastanza punk, dicevamo – ma chi se ne frega la facciamo in maggiore!. Poi ho imparato a suonare (spero!) e questo lavoro di reinterpretazione è diventato un metodo e soprattutto una palestra per farti uscire idee nuove, ed è molto divertente. Per Wild Boys ci siamo sbattuti un sacco, non è stato molto semplice anche se il brano poi esce abbastanza lineare e semplice. Quella è stata una di quelle poche volte in cui mi sono seduto e ho detto agli altri – parliamone!
La masseria Lobello è casa tua, ma è anche il luogo in cui ti occupi di agricoltura biologica, la tua sala prove e la venue di feste e residenze artistiche. Adesso, dall’energia creativa di questo luogo incantevole, nasce la Lobello Records, label discografica che esordisce proprio con il concept album dei Sellers. Raccontaci come è partito il progetto e quale sarà il taglio dell’etichetta.
Ho fatto un giro per etichette l’anno scorso e nessuna proposta mi soddisfaceva. Poi ho pensato che dovevano uscire i Sellers, gli Psycho Sun, che era il mio sogno fare una compilation di tutti i demo salentini degli anni ’90, e poi in quei giorni mi ha chiamato una stamperia che si occupa anche di compilation rock‘n’roll per inserire gli Psychosun su una di queste. Ho chiesto un preventivo, per dirla in maniera molto roots mi sono fatto il segno della croce, e ho pensato che era la cosa migliore da fare. Poi ho pensato anche che un’etichetta indie a Lecce mancava dagli anni ’90 e che è il momento di trasformare i nostri semi in alberi perché i loro frutti sono buonissimi. Quindi la Lobello per il 2010 prevede 5 uscite totali, ma gli altri album li stiamo ancora valutando. Il taglio sarà indie con ovviamente un occhio di riguardo per il folk (nel senso di Dylan e non di pizzica ovvio) e anche per artisti in residenza alla Lobello.
Tobia D’Onofrio
Di Francesca Maci
THE PARTY”, TOBIA LAMARE: “COSÌ NASCE IL MIO DISCO”
“Una grande passione per la musica, una vita di dj-set e la voglia di raccontare una storia. Così nasce “The Party”, album contest di Tobia Lamare & The Sellers, stasera live al Soul Food di Melendugno”
di Francesca Maci
Dieci brani, una festa, un filo conduttore. La storia di un ragazzo che si innamora della ragazza con le pillole. Di una lettera lasciata ai genitori dopo aver messo la chitarra in spalla, pronto ad abbandonare a casa silenzi, paura a tristezza per andare a suonare per strada, sotto il sole estivo. La storia di un “Party” ricco di musica, droga, ballo, amori e pensieri. Non si tratta di un romanzo, ma di un concept album, il primo lavoro della band salentina Tobia Lamare & The Sellers, prima produzione della Lobello Records.
Il disco, registrato e mixato tra ottobre 2008 e giugno 2009 allo studio Sud Est di Campi Salentina da Stefano Manca, con registrazioni aggiuntive fatte alla Masseria Lobello da Emiliano Murrone e Tobia Lamare, è fatto di ballate acustiche che uniscono il folk di Neil Young alle asprezze dei Violent Femmes. È un progetto nato in campagna ed ispirato, nel suono, dagli spazi aperti, dai camini, dall’autunno fatto di amici e tanti cani. Un omaggio al grande folk, al country, al rock’n’roll (Bob Dylan, Elvis, Eagles, Johnny Cash), ma anche ai Pavement e ai Cure.
Il gruppo è composto da Tobia Lamare (chitarra e voce), accompagnato da Osvaldo Piliego (batterista degli Psycho Sun), Alfonso Cannoletta (chitarrista storico della scena rock‟n‟roll leccese degli anni ‟90), Marco Santoro (bassista che ha dato vita alle prime formazioni indie della provincia di Lecce e attualmente impegnato in vari progetti di world music) ed Antonio Candido (armonicista esponente della scena country-blues salentina).
“The Party” nasce, in particolare, dall’esperienza di Stefano Todisco, alias Tobia Lamare, che dal 1993, come dj, fa girare i vinili più improbabili nei locali salentini e non solo. Grandissimo estimatore della tradizione musicale inglese e americana, Tobia vive nella Masseria Lobello, in cui coltiva la terra, prediligendo l’agricoltura biologica, riceve gli amici, scrive e registra le sue canzoni. Un luogo che è casa, ma anche sala prove, teatro, spazio d’arte e residenza.
Stefano, da cosa nasce il nome “Tobia Lamare & The Sellers”?
-Tobia altro non è che un errore commesso nello scrivere il mio cognome, Todisco, divenuto subito motivo di gioco con i miei amici. Lamare, invece, è stato tratto da due personaggi di film. Il primo, Lamar Shedd, personaggio maschile dei film erotici “Super Vixens” e “Ultra Vixens”, in cui il regista smaschera lo star system hollywoodiano e il perbenismo della società americana. Il secondo, invece, è la protagonista del film “Affare di donne”, l’ultima donna ghigliottinata in Francia, che da poco ho scoperto chiamarsi Marie Latour, ma che per anni ho ricordato come Marie Lamare. Questa coincidenza di nomi mi ha fatto pensare di usare Lamare all’interno del mio nome d’arte. Sia io che la mia band siamo molto appassionati di cinema: “The Sellers”, infatti, è un omaggio al celebre attore, regista e sceneggiatore londinese Peter Sellers.
Tutti i brani che hai composto sono in lingua inglese. Come mai questa scelta?
-Inanzitutto perché ho sempre ascoltato quasi esclusivamente musica inglese ed è a quella che mi ispiro. Poi perché l’inglese mi permette di aprire le frontiere della mia musica, comunicare con molte più persone, anche attraverso internet. Oggi è questa la lingua della comunicazione per eccellenza, perciò la mia formazione musicale non fa che aiutarmi in questa direzione.
Ti rivolgi, quindi, prevalentemente ad un pubblico straniero?
-Non posso negare che quando mi esibisco qui in Italia, le mie canzoni non arrivano dirette al pubblico, che difficilmente comprende live i miei testi in lingua inglese. Però, in realtà, è molto più semplice, oggi, riuscire ad esibirsi all’estero piuttosto che in Italia. Probabilmente a causa della crisi, infatti, molti locali stanno chiudendo e in quelli più noti la richiesta di live da parte degli emergenti è talmente grande che diventa quasi impossibile trovare spazio. Per il tour di “The Party”, ad esempio, la maggior parte delle tappe sono estere. Suoneremo a Londra, in Inghilterra e a Barcellona, in Spagna. Saremmo dovuti partire il mese prossimo, però abbiamo rimandato tutto ad aprile, visto che per marzo è prevista la nascita della mia bambina.
In quale genere collocheresti la tua musica?
-Se parliamo di generi musicali italiani, probabilmente indie-folk. Nella musica americana, invece, si inserirebbe nell’alternative country, definizione non ancora adottata dal mercato musicale italiano.
“The Party” è il tuo primo album da autore, ma anche la prima produzione della tua etichetta discografica “Lobello Records”. Come mai questa scelta di autoproduzione?
-Prima di arrivare a tale conclusione, ho girato per tutta l’Italia, conoscendo diverse case discografiche. Ho notato, però, che troppe poche persone, ormai, investono sulla musica. E se anche dovessi avere la fortuna di trovare qualcuno, le percentuali di guadagno da garantire loro e le disposizioni a cui dover sottostare, non valgono il gioco. L’unico modo per fare musica, oggi, è fare come negli anni ’80: auto-prodursi e auto-alimentarsi. Per questo ho pensato alla “Lobello Records”, una realtà che mancava nel nostro territorio, che darà la possibilità anche ad altri gruppi di produrre i loro lavori. Per quest’anno, infatti, oltre a “The Party”, è prevista l’uscita del nuovo disco degli Psycho Sun, ma anche di un mio disco di lavori di sonorizzazione per il teatro e di due album di altre due band. Il mio obiettivo è quello di creare una “grande famiglia” musicale salentina.

Il tuo è un album con una trama, affrontata, nel susseguirsi degli eventi, da tutti e dieci i brani in esso contenuti. Spiega questa singolare caratteristica.

-La storia che racconto, ottenuta rivisitando episodi a cui ho realmente assistito o che ho vissuto, voleva inizialmente essere un libro. Bloccato, però, davanti alla difficoltà di scrivere, ho subito optato per quello che mi viene naturale, cioè scrivere canzoni, e ho scritto testo e musica dei dieci brani dell’album, esattamente nell’ordine di pubblicazione, collegandoli tutti tra loro, come capitoli di un libro. Il prossimo progetto, ora, è quello di realizzare uno short movie musicale, girando i videoclip delle canzoni, in modo da raccontare la trama dell’album anche attraverso le immagini.

Filo conduttore e titolo dell’album è “il Party”. Cosa rende così importante un evento tanto comune?

-La festa è un momento fondamentale della vita sociale. In essa si entra in contatto con molte persone, tutte diverse. Questo permette che si creino le più svariate situazioni: un colpo di fulmine, la nascita di un’amicizia, la scoperta di una passione, l’instaurazione di collaborazioni lavorative. Le feste sono gallerie di vite e personaggi, capaci di raccontare le storie che compongono questo album.
La città di Lecce si sta rivelando una culla di talenti musicali. Credi sia attrezzata per dare spazio e sostegno a voi emergenti?
-Lecce ha un potenziale musicale enorme. Se solo fosse più libera dalle chiusure e dai vincoli, potrebbe diventare la città della musica. Basti pensare che ogni anno nelle classifiche si assiste alla scalata di un Salentino. A prescindere dai generi musicali, i Negramaro, Alessandra Amoroso, gli Aprés la Classe, i Sud Sound System sono tutti nati qui. Ma mi saranno mai esibiti nella loro terra prima di diventare famosi? Dubito. Perché ottenere i permessi per suonare nei locali di Lecce è davvero difficilissimo. Molto più spazio, invece, ci concede la provincia. Inoltre, per legge, la musica deve essere spenta a mezzanotte. Siamo costretti, quindi, a suonare nei locali semi-vuoti, per poi dover spegnere tutto proprio quando le persone escono. Si potrebbe trovare una soluzione a questo, magari costruendo una zona ad hoc, dedicata ai locali, con sopra tutti uffici, in modo che la musica alta non dia fastidio a nessuno. E poi bisognerebbe organizzare eventi. L’amministrazione non fa niente in questo senso: è assurdo vedere la città gremita di gente in occasione delle notti bianche, per poi lasciarla cadere nella desolazione durante il resto dell’anno. Organizzando spesso manifestazioni del genere, che coinvolgano i numerosi gruppi del territorio, Lecce potrebbe davvero mirare a diventare la città della musica.
———————————————————————————————————————–
PAESE NUOVO
20/01/2010
DI Ennio Ciotta
“La festa della vita”
Per poter recensire il primo disco di Tobia Lamare mi sono concesso il lusso di aspettare.
Ho aspettato il disco, l’ho ascoltato più volte senza fretta, magari solo quando ne avevo voglia, contestualizzando il cd nel lettore con l’ambiente circostante, ho intervistato Tobia e finalmente, dopo molti anni di amicizia e frequentazioni lampo hoavuto modo di poterci parlare “ordinatamente”, senza troppi rumori di fondo, senza social network, senza l’orgoglio come cane da guardia.
Poi proprio qualche giorno fa, mentre selezionavo dischi in un locale leccese, ho sentito il bisogno di inserire in scaletta un brano tratto da “The party”, primo disco solista di Tobia Lamare & the Sellers. Era questo il segnale che aspettavo! Ho metabolizzato, lo sento mio, ne avverto il bisogno, sono certo che posso averlo se e quando lo desidero.
Tobia nel descrivere questa sua ultima fatica parla spesso di indie folk. La musica indipendente è la radice di fondo, il punto di partenza, il vero fossato per le fondamenta di tutto ciò che ascoltiamo.
Tutto parte dal basso, ogni tanto qualcosa impenna per saltare agli occhi di quante più persone possibile, ma alla fine un palazzo più alto vale più denari ed è più bello, ma è una fatica enorme da mantenere e soprattutto ospita più gente e quindi maggiori responsabilità. Anche il mondo della musica, specie il business legato alla musica è così. Più cresci più aumentano le responsabilità.
Tobia lamare, dopo oltre quindici anni trascorsi fra distorsori e situazioni indipendenti con i suoi psycho Sun, sceglie di alleggerire il carico e , con la chitarra a tracolla, abbracciando stretta la sua venerata moglie, gira in lungo e largo la provincia americana in auto alla ricerca di radici e semplicità.
Questa è la musica: la maniera giusta per dimenticare gli affanni, le storie andate a rotoli, raccontare storie che parlano per tutti, che prendono la forma della nostra quotidianità, accendere una radio che si chiama vita e cercare di volta in volta la canzone giusta al momento giusto. Calano i toni, entrando in scena chitarre acustiche, armoniche, arrangiamenti soul, ma l’idea di fondo rimane la stessa.
Le persone buone producono solo buona musica, sono leggi di natura, non l’ho inventata io sta cosa. Il grande folk, il country, il rock n roll, l’indie, la psichedelica, le feste, le lunghe nottate alla ricerca di una “situazione”, l’emozione di stare insieme, di confrontarsi, di confrontarsi, di divertirsi, di crescee.
La festa della vita è la vita della festa.
Qui Salento
Gennaio 2010
No music, No party guardando al Tennessee
E’ figlio delle suggestioni vissute durante un lungo viaggio sulla Highway 61, negli Stati Uniti, il primo lavoro di Tobia Lamare & the Sellers. “The Part” è un progetto ascustico che prende la forma lontano dai rumori della città, in campagna, “in una masseria del Salento che non confina con il mar Mediterraneo, ma con il Tennesse e il Mississippi”. L’idea è quella di raccontare una festa, ricreandone un’altra ideale, ma altrettanto possibile, rendendo come spunto ipotetico una serata in cui suonava Gopher (ex sud sound system e Isola Posse), arrichendola di sonorità che ricordano Bob Dylan (e l’adolescenza musicale di Tobia) e che si collocano a metà tra Neil Young e i Pavement.
I brani sono uno zoom sulle situazioni che Toobia Lamare (voce e tra i fondatori degli Psycho Sun)ha vissuto nei quindici anni di attività di cantante e dj, osservando le realtà da dietro la consolle o dal palco e raccontando da questi punti di vista le storie di persone che “si contrano, si parlano, si incrociano, scappano, si innamorano, ssuonano”.
C’è la ragazza che balla, a cui è decicata “Silver”, quella che vende pillole, “Girls with pills”, si incontra il ragazzo che scappa da casa, “Dear Dear”, e c’è , in “My stormy days”,” un omaggio a tutta la produzione black nel Salento fino ad oggi”, racconta Tobia. La”noia per i trend musicali portati sino allo stremo, in questo caso gli anni ‘80” è cantata in “Summer of ‘82”, e poi c’è l’amore, la morte e ancora “strade chiuse, locali serrati, droga tanto facile da trovare”. C’è nella festa, il continuo sguardo del dj, il corpo sudato che balla, ci sono i problemi che gridano, ma che la musica zittisce, fino a quando non arriva l’ultimo pezzo, nel disco “Rimbaud”, che con lentezza e dolcezza saluta la notte di eccessi e, senza fretta, riporta alla dimensione da cui per un attimo ci si era allontanati.
Il lavoro, in cui Tobia Lamare si confronta con strumenti che non aveva mai usato in atri dischi (pianoforte, hammond, lap steel guitar), un indie rock dalle venature country, è una sintesi che raccoglie la lunga esperienza di chi ha visto il lento cambiare di stili e modi di fare guardando trasversalmente le generazioni di nottambuli, anche se poi, dice, “c’è sempre qualcun che balla ancora come il cantante dei Simple Minds”.
Oltre a Tobia Lamare e a suoi Sellers (Marco Santoro Verri al basso; Osvaldo Piliego alla batteria; Antonio Candido Capoccia all’armonica; Alfonso Cannoletta alla chitarra e cori); tra gli ospiti del “party” anche: Gianluca de Rubertis(piano , hammond), Maurizio Vierucci(cori), Marco Ancona(Lap steel guitar), Fabrice Martinez(violino).
intervista/interview tobia lamare – ilpaesenuovo.it
Category: Music
‘Tobia Lamare & The Sellers’: Tra il Salento ed il Mississipi (di Ennio Ciotta)
La band “Tobia Lamare & The Sellers” nasce in Salento, nel sud est dell’Italia, vive e cresce in una campagna che non è bagnata dal Mar Mediterraneo, ma confina con il Mississipi e il Tennessee.
Nella Masseria Lobello Tobia Lamare coltiva la terra, i suoi affetti, scrive e registra le sue canzoni. Un luogo che è casa, ma anche sala prove, teatro, luogo d’arte e residenze. È qui che prende forma “The Party” un concept album che racconta una festa dove le persone si scontrano, parlano, si incrociano, scappano, si innamorano, suonano.
Il disco nasce dall’esperienza di Stefano Todisco, alias Tobia Lamare, che dal 1993, come dj, fa girare i vinili più improbabili nei locali salentini e non solo. Tobia è la parte rock n roll del Salento, il punto di riferimento per le persone che vogliono ballare il soul, l’indie. E le feste sono gallerie di vite e personaggi capaci di raccontare le storie che compongono questo album.
Il nuovo progetto di Tobia Lamare, leader degli Psycho Sun, è fatto di ballate acustiche che uniscono il folk di Neil Young alle asprezze dei Violent Femmes, un progetto nato in campagna e ispirato, nel suono, dagli spazi aperti, dai camini, dall’autunno fatto di amici e tanti cani. Tobia Lamare & the Sellers omaggiano il grande folk, il country, il rock and roll (Bob Dylan, Elvis, Eagles, Johnny Cash ) ma anche i Pavement e i Cure.
Cosa ti ha portato a scrivere un disco acustico?
Dopo un viaggio sulla highway 61 negli stati uniti ho avuto il desiderio di tornare indietro nel tempo alle sonorità  che hanno accompagnato la mia adolescenza: bob dylan, neyl young. Dopo 15 anni tra distorsioni e feedback confrontarsi con la scrittura di brani acustici è stato molto stimolante. Poi girare tra antiques e juke joint nel sud degli stati uniti mi ha fatto scoprire tonnellate di musica seppellita, magari mai ristampata in cd.
Vivere e lavorare in campagna mi ha influenzato molto sulla musica. Non sono mai stato legato alle tradizioni popolari musicali della mia terra, e quindi il country è stato sempre un legame forte tra musica e natura per me.
The party è una sorta di concept album…
SI. In quindici anni di feste, ho visto storie e vissuto esperienze che mi piaceva racchiudere in una storia. Non sapendo scrivere un libro, ho pensato di scrivere canzoni collegate tra loro. Il prossimo investimento sarà quello di fare i video clip di tutte le canzoni per creare una sorta di short movie musicale.
Investimento perché questo disco esce per Lobello Records un tuo marchio vero?
Si. Era tempo che ci pensavo, e alla fine in periodo di crisi nera del mercato discografico la cosa migliore è il do it yourself. Così ho ragionato sul fatto che nel 2010 ci saranno altre due uscite discografiche mie (psycho sun e un disco strumentale), ed ho pensato che era arrivato il moemnto di fare un ‘etichetta. Alla Lobello Records sarà legata CoolClub con cui cureremo insieme alcune uscite e si occuperà di booking  e promozione.
Voglio trasformare Lecce in Nashville ed il primo passo era quello di un marchio da mettere sui dischi.
Farete un tour?
Si per adesso le uniche date confermate sono in Inghilterra e Spagna, in Italia si fatica di più a trovarle, comunque un tour italiano più corposo è previsto per aprile maggio, anche perché a marzo ho un impegno…(Tobia diventerà padre…ndr)
Tobia dai tre consigli per chi si vuole avvicinare alla country music:
Non serve saper andare a cavallo, dovete sapere almeno chi era il General Lee, magari guardare almeno una volta “Fratello dove sei “ dei fratelli Cohen.

www.sky.it 29/11/2009
Tobia Lamare & the Sellers, il vero country è made in Puglia
La band country pugliese esce il 22 dicembre con il proprio disco d’esordio, intitolato The Party: ce ne parla l’eclettico leader della band, Tobia Lamare. Leggi l’intervista
22 novembre, 2009
Tobia Lamare & the Sellers
di Marco Agustoni
Un disco autenticamente country registrato in Italia? I puristi magari storceranno il naso. Ma nel sentire The Party, disco d’esordio dei pugliesi Tobia Lamare & the Sellers, potrebbe anche ricredersi. Tanto più che il progetto è stato concepito all’interno di una masseria in campagna. Cosa si può volere più di così? Ci parla del disco, in uscita il 22 dicembre, Tobia Lamare, eclettico leader della band.
Come nasce il progetto Tobia Lamare & the Sellers?
Il progetto nasce circa un anno fa, dopo che ho passato due mesi su e giù per il Mississipi, dove ho subito un forte influsso da parte del folk americano. Quindi, dopo quindici anni anni di rock elettrico con gli Psycho Sun sono tornato in Italia, ho comprato una chitarra acustica e la passione che avevo per Bob Dylan o Neil Young quando avevo quindici anni si è risvegliata tutta d’un tratto. Poi Tobia Lamare & the Sellers nascono in una masseria in campagna, dove faccio anche agricoltura biologica, quindi tutto combaciava. Abbiamo subito composto un po’ di canzoni e abbiamo finito di registrarle prima dell’estate. Il disco, The Party, uscirà a breve, il 22 dicembre a Lecce ci sarà la presentazione e poi partirà un tour tra Italia, Spagna e Inghilterra.
Questo tipo di musica che potenzialità ha in Italia?
Il nostro disco è in inglese, però c’è tanto di italiano, perché noi siamo italiani. Quando siamo andati a suonare all’estero con gli Psycho Sun ci dicevano “Va bene, suonate indie rock ma per noi siete esoitici perché avete un’altra scuola chitarristica e si sentono le differenze”. Secondo me anche in Italia il country, il folk e il bluegrass possono funzionare, soprattutto adesso dove un ragazzo può facilmente ascoltare ed essere influenzato anche da band o musicisti che non sono del suo paese.

L’essere pugliese ha invece influenza sulla sua musica?

Magari si sente nell’accento (ride). Credo che l’essere pugliese mi influenzi, perché dalla Puglia, anzi, dal Salento soprattutto vengono degli artisti che mi hanno formato, come ad esempio Amerigo Verardi o tante formazioni leccesi o brindisine degli anni ’80. Parlo di underground, perché magari ci sono gruppi che hanno inciso un solo demo ma hanno lasciato il segno. Poi penso che ogni provincia sia una storia a parte, nel senso che ci si influenza a vicenda. Io ad esempio ho scoperto i Sonic Youth solo dopo essere stato a un concerto dei Cult of Irrational, un gruppo di tarantini fuori di testa, che in pratica avevano inventato i Radiohead prima che esistessero i Radiohead. Quindi sotto questo punto di vista sono pugliese, ma non sotto quello della musica tradizionale di qui, che non conosco.
Fa rock con gli Psycho Sun, country con i Sellers ed è pure dj: come concilia tra loro tutte queste esperienze musicali?
Una linea guida c’è, nel senso che la musica è il mio lavoro a tempo pieno e quindi tutte queste esperienze vanno a influenzarsi l’un l’altra. Ad esempio, dall’anno scorso nel mio dj set ho inserito dei pezzi bluegrass. Ma succede anche il contrario: nel disco dei Sellers, che è prettamente country-folk, c’è però un pezzo dance-elettronico. In sala prove ci si va con il proprio bagaglio e ne si rimane influenzati. The Party è un concept album in cui ci sono vari personaggi che ruotano attorno a una festa. Io faccio il dj dal 94’ e quindi sono tutte storie che ho visto, che ho vissuto o che hanno vissuto persone che sono state alle mie feste.
http://mag.sky.it/mag/musica/2009/11/20/intervista_tobia_lamare_and_the_sellers.htmlhttp://mag.sky.it/mag/musica/2009/11/20/intervista_tobia_lamare_and_the_sellers.html
info www.myspace.com/tobialamarewww.tobialamare.comUfficio stampa Coolclub 0832303707 – 3394313397
tour “the party”
26 dicembre 2009 – officine cantelmo Lecce
05 gennaio 2010 – zei Lecce
06 gennaio 2010 – elixir London (U.K.)
07 gennaio 2010 – the betsy trottwood London (u.k.)
07 gennaio 2010 – camden head London (U.K.)
08 gennaio 2010 – the bar London(U.K.)
04 febbraio 2010 – bohemièn, bari
08 febbraio – live @ radiazioni, ciccioriccio- brindisi
12 febbraio – brindisi
25 marzo 2010 – madigans, Lecce
27 marzo 2010 – aioresis lab, nardò
15 aprile 2010 – road66, lecce
23 aprile 2010 – caffè del centro, caserta
24 aprile 2010 – contestaccio, Roma
02 maggio 2010 – coffee and cigarettes , Lecce
13 maggio 2010 – circolo live, mariano comense (Co)
14 maggio 2010 – fio bar, castigliane olona (Va)
15 maggio 2010 – patchanka, chieri (To)
16 maggio 2010 – casa del popolo, Asti
17 maggio 2010 – la casa 139, Milano
18 maggio 2010 – live @ jalla jalla , radio popolare milano
21 maggio 2010 – cantine Bonaparte, mondovì (Cn)
22 maggio 2010 – enomotel, roddi (Cn)
23 maggio 2010 – circolo degli artisti, Roma
30 maggio 2010 – the harrison, London (U.K.)
01 giugno 2010 – carnivale acoustic, London (U.K.)
03 giugno 2010 – icarus club, london (U.K.)
04 giugno 2010 – the Salisbury pub, London(U.K.)
11 giugno 2010 – Molly Malone, Lecce
17 giugno 2010 – El paraigua, Barcelona (ES)
18 giugno 2010 – Sala Monasteiro, Barcelona (ES)
19 giugno 2010 – La cova del las cultures, Barcelona (ES)
04 luglio 2010 – sudest indipendente festival + noerdgarden, Lecce
21 luglio 2010 – al relitto, otranto (Le)
03 agosto 2010 – cozzanera lounge, frassanito (Le)
11 agosto 2010 – el ciringuito – torre dell’orso (Le)
25 agosto 2010 – p.zza s. chiara, Lecce
26 agosto 2010 – Soul Food, Torre dell’orso(Le)

Coral Riff
Booking & Management
via dei Latini, 18
00185 – Roma (Rm)
email: mailto:coral.riff.art@gmail.com
tel. Fabrizio Borgosano +393406953499

Annunci

Un pò di tutto dal web e dal mio mondo

amanieillfated.wordpress.com/

singer | model | writer

Germania Lavoro

Web review sul mercato del lavoro, soprattutto in Tedesco.... tanto lo dovete imparare ;-)

climbfreeblog

Momentaufnahmen aus den Bergen und Ländern dieser Welt

All About Surf

News, forecasts and updates from the best and trustworthy web sources

La Grande Concavità

Scritti spazzatura sulla musica rock

Marina Zvonareva

Natural Gas Europe analyst focused on Russia’s international energy relations.

Josep Pamies blog

una opinion silvestre

GIU' LA MASCHERA

Notizie e commenti sui più importanti fatti di attualità: le mie idee... ascoltando le vostre !

Nicolas Micheletti

Activist / Artist / Debunker / Vegan

Uprootedpalestinians's Blog

Palestinians are at the heart of the conflict in the M.E Palestinians uprooted by force of arms.. Yet faced immense difficulties have survived, kept alive their history and culture, passed keys of family homes in occupied Palestine from one generation to the next.

Polvere da sparo

Sono figlio del cammino, la carovana è la mia casa _Amin Maalouf_

Telemomò

Solamente ancora un Wordpress.com weblog

escapismo genuino

viagens, comilanças, cultura inútil e útil e devaneios aleatórios

SOPHEE SMILES

Find your happy place

Media Professionals Speak on Printing to Web to Mobile

Communications Pros from LA NYC LONDON PARIS MILAN ROME BARCELONA CHINA KOREA and JAPAN Reveal their Insights

Scooters in Faro

scooter faro

Arthur Magazine

Since 2002

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: